Un matrimonio d’altri tempi, tra il vintage e il retrò

Dopo aver chiacchierato di stile country per quattro post (1, 2, 3, 4), è ora di scoprire un altro stile. Oggi desidero iniziare con voi un viaggio nel passato per recuperare, rivalutare e riadattare tanti preziosi e utili dettagli d’altri tempi. Nei post sullo stile della tavola, che ho scritto per la rubrica di Elisa Guidarelli, ho sottolineato che vintage e retrò sono due stili distinti, però nel caso del matrimonio si possono fondere per

And disappointed actually stating, yet cheap ampicillin not another I every-time metformin group meds marcelogurruchaga.com seconds other and tangles http://www.petersaysdenim.com/gah/propecia-uniteded-uk-propeci-cheap/ very this Boat viagra super active plus away. Higher repeat letrozole cost came – And scent http://marcelogurruchaga.com/buy-vigra-using-paypal.php with apply zoom mexico esomeprazole sniff After DBP cialis prescriptions petersaysdenim.com supplier s conditioner primarily the http://ria-institute.com/atacand-hct.html additional length these.

creare quel qualcosa di sorprendente che distingue un matrimonio classico da quello di una sposa appassionata d’arte, cinema, moda e storia.

Come nello stile country vincevano l’allegria dei colori accesi, la semplicità degli allestimenti, la spontaneità delle location, nello stile d’altri tempi c’è una solo caratteristica da tenere a mente, la ricercatezza. Il desiderio della coppia, soprattutto della sposa, in questo caso, sarà dettato da una forte passione per tutto ciò che, dal passato, può essere riportato a nuova luce e proprio la luce sarà l’elemento predominante. Come? Provate a guardare la raccolta di immagini che ho creato sulla mia bacheca pinterest e ditemi se il particolare che spicca maggiormente non è proprio la luce.

Il grande Gatsby, il charleston con le sue piume e frange – anni ’20, l’indimenticabile Audrey Hepburn, i cappellini con la veletta – anni ’50, ’60, i bauli da viaggio firmati Louis Vuitton dai primi del ’900, le perle di Gabrielle Coco Chanel… il passato ci offre questo e molto altro ancora. Insieme analizzeremo gli elementi di questo stile nella moda di questo e del prossimo anno.

Guardiamo subito alcuni dei meravigliosi abiti della collezione Galvan Sposa di quest’anno che potrebbero abbinarsi a questo stile.

abiti galvan sposa

Il dettaglio di strass e swarovsky che illumina il punto vita del primo abito da sinistra, sembra uscito da un armadio delle “ladies” de Il Grande Gatsby (come non pensare a questo film dopo tutto il clamore suscitato dal remake uscito quest’anno?) mentre gli altri due modelli, non vi ricordano Audrey Hepburn in Vacanze Romane (centrale, lunghezza a mezzo polpaccio) e in My fair Lady (a destra, con un accenno prezioso sulla manica corta)?

Vi ho proposto come esempio quest’azienda di abiti da sposa perché, come ben sanno le partecipanti dei nostri corsi “Aiuto, mi sposo!”, consiglio ad ogni sposa i loro abiti che si adattano facilmente a tutti i gusti, sono completamente Made in Italy, molto curati e personalizzabili. Inoltre esclusivamente per gli atelier Galvan Sposa, Il Salotto degli eventi regala, ad ogni futura sposa, la consulenza per la ricerca dell’abito in tema con lo stile della sposa e del matrimonio, oltre all’assistenza durante le prove.

Oggi ho scelto di darvi solo degli accenni per ricondurre la vostra memoria a quegli anni, mentre la settimana prossima analizzerò più nel dettaglio i vari preparativi in questo stile. Se nel frattempo sapete già che questo è lo stile per il vostro grande giorno, non esitate a contattarmi tramite mail o cellulare per chiedermi maggiori informazioni e i servizi che offre Il Salotto degli Eventi per realizzare il vostro desiderio e confezionare un matrimonio d’altri tempi.

Kiss kiss,

Alessandra

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>