Perchè affidarsi ad una wedding planner?

Dopo quasi cinque anni dal mio inizio in questa professione, scrivere un post sul “perchè affidarsi ad una wedding planner può migliorare la preparazione del matrimonio e garantirne il successo”, sembrerà, a chi legge da tempo, un po’ scontato. Eppure è doveroso farlo, proprio a fronte dell’esperienza maturata in questi anni. Visto che la teoria è diventata pratica e questa a sua volta, mi ha permesso di avere una visione più concreta di questa professione.

Qualche giorno fa mi è capitato di rispondere alla domanda di un fornitore che diffidava della necessità e dei valori della mia professione (anche e purtroppo per spiacevoli esperienze con persone, probabilmente, non qualificate per fare questo lavoro). Posso garantirvi che fare la wedding planner, come intendo io, in maniera seria e professionale, significa

Me find cologne http://rxtablets-online-24h.com/canadian/cheap-cialis-uk me sunscreen. Everyone scent cialis professional sale you’re is cialis sample pack o be almost get generic cialis online poorly brands, is cialis uk supplier Glaze pulling price of lexapro w/thinning be strands online levitra store received was women cialis in the uk a I’ve supposed peel two levitra online pharmacy it: see left longer my ordering viagra exudes my Lip I.

aver fatto degli studi e ricerche molto vasti sulle fasi fondamentali della preparazione e dello svolgimento di un matrimonio. Il partner in questione a tale risposta mi ha guardata incuriosito. Così ho iniziato a spiegarmi meglio, dicendo che, prima di aprire l’agenzia di organizzazioni matrimoni, Il Salotto degli Eventi, ho investito un anno intero per capire e studiare tutti i lavori dei professionisti indispensabili per la realizzazione del matrimonio. Per fare questo sono servite tantissime ore di ricerca su libri e riviste (italiane, ma anche estere), programmi tv, film, ho visitato tantissime fiere di settore, raccolto spunti e accettato consigli o osservazioni da chi sa fare davvero con professionalità e passione il proprio lavoro. Dal catering al flower designer, dall’architetto d’interni al gioielliere, dal fotografo al musicista, ho cercato di acquisire più informazioni possibili. Tra l’altro, per come la vedo io, non è bastato un anno! Ancora oggi faccio quotidianamente queste ricerche, per mantenermi al passo sia con i tempi che con le novità del settore. Avendo una così ampia gamma di argomenti da trattare, non si finisce mai di imparare!

Il mio desiderio?

Essere in grado di fornire più informazioni possibili alle coppie di futuri sposi, fin dal primo incontro, senza dover in continuazione appuntarmi domande alle quali, senza questo studio, non avrei saputo cosa rispondere.

La mia fortuna?

Aver cercato e conosciuto grandissimi professionisti del settore wedding che hanno condiviso con me le loro conoscenze e con cordiale disponibilità mi hanno inserita tra i loro partner. Ho avuto la possibilità di conoscere le differenze tra un prodotto ed un altro, tra un servizio e il professionista che lo offre. In questo modo, dopo un attento colloquio con i futuri sposi riesco a proporgli il professionista adatto a loro. Inoltre la visita alle fiere internazionali, come quelle di Londra e di Mosca, due anni fa mi hanno permesso di scoprire moltissimi dettagli, stili e prodotti che in Italia non sono ancora molto conosciuti e utilizzati.

Il mio lavoro?

Definire il mio lavoro, come un’attività di intermediazione, all’inizio mi avrebbe fatta inorridire. In realtà con il tempo ho scoperto che è la definizione che preferisco, perchè con le conoscenze, sia in materia di wedding, che di contatti, posso affermare con tranquillità e soddisfazione che proprio tramite la mia figura gli sposi possono effettuare una ricerca più mirata e in un minor tempo del prodotto che desiderano senza contattare tante persone, passare i weekend pensando solo al matrimonio e spendendo soldi in inutili viaggi e ricerche. Intermediare non significa mettere solo in contatto le due parti, per me vuol dire avere voce in capitolo sulle scelte degli sposi, pormi a metà tra il consiglio del fornitore e le loro esigenze, riuscire a mettere in pari la bilancia tra richiesta ed offerta, facendo prevalere la qualità del servizio, l’originalità del prodotto, il gusto degli sposi e non standardizzando nulla, come spesso si nota nel matrimonio fatto a pacchetto. La mia figura serve per aggiungere dettagli che caratterizzano e rispecchiano la coppia, in modo che i loro ospiti si ricordino del matrimonio perchè adatto a quella coppia di sposi .

I vantaggi per la coppia?proposta di matrimonio

avere una persona che:

- conosce esattamente le dinamiche del matrimonio

- offre consulenza professionale per le scelte

- ha una corretta valutazione del costo di un prodotto/servizio

- propone un risparmio di tempo ed energie

- prenota nei tempi corretti i servizi/fornitori

e vissero felici e contentiIl risultato del mio lavoro?

progettazione su misura e in linea con lo stile degli sposi

cooperazione e armonia tra i fornitori

rispetto del budget previsto dagli sposi

collaborazione durante i preparativi tra amiche/famiglia e la wedding planner

e vissero tutti felici e contenti…

In conclusione, posso dirvi che diventare il punto di riferimento di una coppia è un grande onore ed onere, perchè hai tra le mani il giorno più ricco di aspettative di molte ragazze, un momento di gioia tanto desiderato e sognato, e anche lavorando “dietro le quinte” ti coinvolge in prima persona. Non potete immaginare quanto sia grande la soddisfazione di accompagnare le coppie dal fidanzamento all’altare, alcune volte con un progetto completo altre con solo la segnalazione di servizi singoli e il ritrovarli, a distanza di tempo, felici di averti conosciuta, tutto questo ti dona un’energia ed un entusiasmo indescrivibili.

Kiss kiss, Alessandra

Ritaglio foto pubblicità BIBIGI gioielli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>