LA CASA DEI SOGNI……. DA VIVERE

Ospite di questo Lunedì in Salotto
★ GUEST WRITER  -  Simona Leoni
★ PROFESSIONE  -  Interior designer | Home shopper
★ AZIENDA  - Simona ELLE
★ CITTA’  -  Padenghe sul Garda

 

Ognuno ha una propria casa dei sogni e, anche se sono poche quelle che si riescono a realizzare, queste abitazioni sono l’indice di come le persone vorrebbero vivere.

Io, se penso ad una casa dei  sogni  la immagino innanzitutto LUMINOSA,  contemporanea nella struttura, con finestre molto ampie che creino un tutt’uno con l’esterno e la inondino di luce naturale;  immersa nel verde ma in prossimità del MARE, per poterne sentire il profumo e  il rumore delle onde.

Photo via blog.syncronia

 Possibilmente su un piano unico, ma con piccoli dislivelli tra un ambiente e l’altro e, magari, il living soppalcato per creare una piccola e raccolta zona relax.

Photo via ideare-casa

Preferisco le abitazioni con un ampio ingresso, non mi piace l’idea di entrare direttamente nel soggiorno o peggio ancora in cucina. Se quindi avete preso una casa con una stanza d’ingresso, non eliminatela; purtroppo il 90% degli appartamenti contemporanei invece sono disposti senza “HALL” d’ingresso per risparmiare spazio prezioso, ma sappiate potete ricreare una zona di accoglienza con attrezzature mobili, anche se avete la porta d’entrata direttamente sul living. Credo invece, che l’ingresso sia una camera d’aria importantissima per la casa; non svela subito le stanze più personali a chi entra e permette quindi di fare da filtro per accogliere e salutare ospiti e visitatori. Se ben arredato l’ingresso è decisamente una stanza in più. Non lasciamolo vuoto o peggio ancora non rendiamolo il ripostiglio di casa con scarpiere ed  attaccapanni. Se lo spazio lo permette arrediamolo con un divanetto, due poltroncine un mobile contenitore, un tavolino, una libreria, tutto quanto insomma lo possa rendere una stanza a tutti gli effetti. Al giorno d’oggi molte persone lavorano da casa, l’ingresso può essere trasformato in un perfetto home office.

Photo via housebeautiful

 La mia casa dei  sogni  inoltre  la immagino con molto LEGNO NATURALE, arredata con pezzi di design, ma anche con mobili di recupero. Non mi piacciono le case perfette, da copertina o peggio ancora quelle che sembrano show room; mi piacciono le case calde, accoglienti, che raccontano la storia di chi le abita; per poter trasmettere queste emozioni una casa non deve solo essere arredata posizionando mobili e complementi in modo asettico, devono necessariamente essere create delle “messe in scena” con i mobili e gli oggetti che ci piacciono. A me piace l’ordine, il disordine e la confusione mi disturbano;  la mia casa da dei sogni è ordinata ma “imperfetta” perché l’imperfezione dona carattere e STILE. Un oggetto o un mobile utilizzati in modo non convenzionale, un colore, un materiale o un tessuto che contrasta con ciò che lo circonda rende l’insieme più accattivante. La mia casa da sogno è VISSUTA, ricordiamocelo, lo scopo di ogni casa è proprio questo.

…. E la vostra casa da sogno com’è?

______________________________

 

Con questa domanda la rubrica della nostra guest writer Simona Elle termina qui, dopo ben 9 puntate… (rileggi tutti gli articoli cliccando qui)  Simona ci ha dato molti elementi su cui lavorare, ora tocca a tutte voi creare il vostro nido d’amore!

Se avete altri dubbi, oltre che contattare la nostra interior designer direttamente, potete seguire la rubrica “FARE CASA”  sul suo blog….

A me non resta che ringraziare Simona ed attendere con ansia una nuova serie di interessantissimi e davvero preziosi consigli, perchè questo non è un addio ma un semplice arrivederci a presto…  Nel frattempo vi racconterò, prossimamente, la nostra visita ad Homi Milano, il nuovo Macef…

Kiss kiss, Alessandra

3.2.2014

 fonte foto copertina ruffledblog

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>