COME VALORIZZARE I DIFETTI DELLA NOSTRA CASA

Ospite di questo Lunedì in Salotto
how to remove genital warts
★ GUEST WRITER  -  Simona Leoni
★ PROFESSIONE  -  Interior designer | Home shopper
★ AZIENDA  - Simona ELLE
★ CITTA’  -  Padenghe sul Garda
TAGS ★ casa, difetti, valorizzazione

 

Nel nostro appuntamento di agosto vi avevo spiegato come cercare di personalizzare una casa presa in affitto a cui non è possibile apportare modifiche permanenti. In quel articolo citavo che per rendere invisibili o meno evidenti i difetti presenti in un interno è necessario “sviare lo sguardo” e cioè inserire degli elementi su cui puntare l’attenzione.

In questa puntata invece vi vorrei dare qualche consiglio per fare in modo di rendere i difetti più sopportabili e meno evidenti.

Ma quali sono i difetti principali che possiamo incontrare in un interno? Ecco un piccolo elenco:

  • Soffitti bassi
  • Soffitti troppo alti
  • Stanze buie e poco luminose
  • Corridoio troppo lungo e stretto
  • Panorama inguardabile

L’altezza del soffitto è una delle prime cose che si notano quando si entra per la prima volta in una casa:  quando sono troppo bassi si ha un senso di oppressione e di soffocamento perché si sa, i soffitti bassi riducono lo spazio, quando sono troppo alti si ha l’impressione di poca intimità e se gli ambienti non sono arredati e decorati a dovere possono sembrare freddi e vuoti. Per dimenticare la mancanza d’altezza al contrario di quel che si pensa è meglio ricorrere al eccesso per dare del carattere. Non abbiate paura quindi di utilizzare dei mobili sovradimensionati, anzi, ricorrete a questo stratagemma perché creerete un’illusione di spazio. Dipingete soffitto e pareti dello stesso colore per dissimulare il confine tra l’uno e l’altro, cercate di attirare l’attenzione sul pavimento utilizzando se serve anche una moquette o tappeti con una grafica molto forte ed infine utilizzate le linee verticali: lampade da terra, librerie alte, tendoni importanti che appoggino a terra, tutti questi accorgimenti possono creare un’impressione di altezza.

Photo via forfur.com

Il soffitto alto invece, per la verità, non sempre rappresenta un difetto. Se si ha la possibilità di costruire un soppalco si può sfruttare l’abbondanza di spazio, in caso contrario, il metodo più efficace per abbassare visivamente l’altezza di una stanza è di dipingere il soffitto di una tonalità più scura rispetto al resto delle pareti e scendere con lo stesso colore.

Alle stanze buie è poco luminose invece non c’è soluzione; diffidate di chi asserisce che dipingendo in tonalità chiare l’ambiente sembrerà più luminoso……………………niente di più falso e io credo che tutto sommato sia sempre meglio giocare sui propri difetti che cercare di dissimularli con pessimi risultati. Quindi si ai colori scuri per pareti o arredi in ambienti bui, considerando che la stanza non sarà mai luminosa, tanto vale caratterizzarla con qualcosa di inusuale. Optare per oggetti e materiali riflettenti come mobile laccati lucidi e vetro. Benvenuti agli specchi: un grande specchio con una cornice importante, appoggiato a terra o appeso ad una parete, può raccogliere la luce e funziona in ogni stanza della casa, anche se eviterei di riempire la casa di specchi, la regola è MAI replicare una cosa che funziona in una stanza, anche nelle altre, si rischierebbe di creare delle brutte copie.

Photo via interior-design-decor.com

Il lungo corridoio d’ingresso vi disturba? A me no!!! Vi sembra spazio sprecato? Per me affatto!!!!

Il concetto di spazio “sprecato” in una casa per me non esiste, anzi,  è proprio ciò che distingue una casa personalizzata e con fascino da una “di serie”.  Gli spazi difficili da arredare come le scale, le pareti storte  e appunto i corridoi sono per me il  “polmone” della casa. Serviamoci di questi spazi per “mettere in scena”. Abbandoniamo il concetto di utilità e funzionalità e sposiamo  quello dell’immaginazione ogni tanto. Serviamoci di questi spazi per mostrare collezioni, stampe, dipinti, oggetti e tutto quanto può trasformare la nostra dimora in qualcosa di unico, personale e straordinario. Il corridoio ad esempio può diventare una perfetta galleria d’arte. Tanti quadri  o fotografie di diversi formati e dimensioni, ma con un tema comune; oppure  una collezione particolare esposta in modo originale.

Photo via www.designmag.it

Quando invece il panorama fuori dalla finestra è tutt’altro che gradevole, bisogna giocare d’astuzia cercando di nascondere e camuffare quanto più possibile; ricordiamo però che dobbiamo evitare di togliere la luce che però arrivando dall’altro ci permette di schermare la parte bassa della nostra finestra ad esempio con una grande poltrona vistosa, un piccolo paravento basso , un’opera d’arte o una scultura.

Photo via leveronedesign.com

 

Vi aspetto il prossimo mese,

Simona

 

7. Ottobre . 2013
Foto copertina emilieinc.com

Comments are closed.