CASA, PAROLA D’ORDINE: PERSONALIZZARE (seconda parte)

Che siate ancora a casa, in città, oppure già arrivati alla casa al mare, lago o montagna, noi de Il Salotto non potevamo rinunciare ad ospitare anche questo mese l’interior designer Simona Elle per condividere con voi questi preziosi consigli, perfetti per chi, proprio in queste settimane, ha un po’ più di tempo da dedicare allo shopping e ai lavoretti di casa. Personalmente il post l’ho letto molto attenmtamente perchè anch’io in questo mese ne approfitterò per tinteggiare la casetta nuova, visto che quando ho traslocato non avevo proprio tempo, e per fortuna non l’ho fatto, questo post cade giusto giusto… buona estate e buona lettura a tutti! Kiss kiss, Alessandra

 simona elleSimona: “Il mese scorso ci siamo occupati di come personalizzare una casa acquistata e quindi di nostra proprietà (qui),  ma se la casa in cui andiamo ad abitare dopo le nozze è in affitto? Ovviamente è tutto un po’ più difficile perché alcune modifiche permanenti non le potremo fare.  Dovremo concentrare la nostra attenzione sugli elementi più visibili dell’abitazione,  sull’arredamento e la decorazione. Ma quali sono gli elementi più visibili? Beh,  pavimenti e pareti sono l’involucro della nostra casa e di conseguenza sono quelli che maggiormente si notano entrandovi, oltre che essere la “base” del nostro appartamento.  Se anche voi (come me 20anni fa nella prima casa), avete affittato un appartamento con pavimenti rivestiti con “splendide” piastrelle in ceramica anni ’70, che potrebbero “ammazzare” qualsiasi stile d’arredo,  il mio consiglio è di sbizzarrirvi con i tappeti! I tappeti arredano da soli, riempiono e colorano. Ce ne sono di tantissimi generi e di diversa provenienza ed ognuno di loro ben si adatta a precisi stili d’arredo.

collage-tappeti

Per quanto riguarda le pareti, evitate di fare contratti d’affitto che prevedano di trovare l’appartamento già “imbiancato” al vostro ingresso…………. per due motivi: in primis, dipingendo voi le pareti potrete personalizzarle a vostro piacere, in secondo luogo, quando lascerete l’appartamento e sarete impegnati con l’incombenza del trasloco, non avrete anche il pensiero di dover ridipingere la vecchia casa!!
Certamente nel momento in cui si allestisce una nuova casa, dover pensare anche alla decorazione dei muri quando si hanno già tante spese non è facile ma vi assicuro che ne vale la pena. Poter personalizzare le pareti significa avere la possibilità di dare carattere a tutte le stanze. Una stanza con le pareti della tonalità giusta è già mezza arredata. Un altro consiglio: sfatiamo il mito che i colori scuri rimpiccioliscano gli ambienti. So bene che ogni libro e guida di decorazione d’interni dica questo MA io vi assicuro che un ambiente piccolo ed anonimo come un corridoio d’ingresso che per motivi di spazio difficilmente è arredabile, dipinto interamente di bianco è banale, dipinto con un “colore” alternativo assume immediatamente una connotazione caratteriale. Ovvio che il/i colori andranno scelti in base allo stile d’arredo. Non sto assolutamente demonizzando il bianco, solo cerchiamo di capire che non sempre è la soluzione più adatta. Ovviamente il look “total white” è il benvenuto, oltre che essere molto di tendenza!!!!

collage-colore-pareti

Un altro trucco molto importante per minimizzare i difetti di un interno è cercare di “sviare lo sguardo”. Se una stanza presenta un difetto evidente, questo diventerà inevitabilmente la calamita dello sguardo. Il consiglio quindi è di inserire nel contesto un pezzo, sia esso un arredo, un oggetto, un quadro, una poltrona,  che catalizzi l’attenzione. In questo modo il difetto passerà in secondo piano. Infine, le porte. Come dicevamo nello scorso appuntamento se non si adattano allo stile dell’arredo o se sono anonime rischiano di diventare un elemento di “disturbo”, quindi, mimetizziamole. Possiamo tranquillamente togliere le porte che pensiamo di non utilizzare (ad esempio quella tra la zona giorno e la zona notte) o sostituirle con un tendone, che è la soluzione perfetta anche per schermare la porta blindata d’ingresso che solitamente è completamente diversa da tutte le altre porte d’interni.

tende

Spero che con questi semplici consigli di base riusciate a personalizzare la vostra nuova casa. Vi aspetto il prossimo mese.

Link foto:

Fonte foto 1: tappeti

  1. Tappeto Paola Lenti paolalenti.it
  2. Tappeto in feltro interiorzine.com
  3. Tappeto messicano byreallynicethings.blogspot.it
  4. Tappeto animale  dawnajonesdesign.com

Fonte foto 2:

  1. Total white hogar.pisos.com
  2. Parete nera welke.nl
  3. Parete azzurra milwaukeeinteriordesigncoach.com

Fonte foto 3: Tende foto via pinterest.com

Fonte foto copertina: Pantone davidandcarolineparker.blogspot.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>