CASA DEGLI SPOSI, come creare una HOME IDENTITY

Buongiorno a tutti e ben ritrovati.

Nelle scorse puntate ci siamo occupati dell’involucro della nostra abitazione, cioè di come sfruttare al meglio gli spazi, nascondere i difetti, migliorare la circolazione interna, esaltare i pregi e scegliere uno stile ed un tema. Dal prossimo mese vorrei iniziare ad affrontare l’arredamento degli interni nello specifico delle varie categorie, analizzando gli elementi illuminanti, le sedute, i mobili, i materiali ed analizzare le varie stanze separatamente,  ma prima ho assolutamente bisogno di darvi un ultimo ma importantissimo suggerimento.

Una casa va arredata, si sa, non c’è niente di più triste di un’abitazione con le stanze vuote… ma credetemi, può esserci di peggio, ad esempio un appartamento con stanze asettiche o stile show room oppure degli interni riempiti senza criterio, pieni di mobili scelti a caso e di cianfrusaglie inutili che creano caos e disordine… non solo visivo!!

Arredare degli interni non vuol dire “riempire” gli spazi con mobili e complementi a casaccio solo per soddisfare le esigenze più impellenti come dormire, cucinare e guardare la TV; al contrario, arredare degli interni significa dotare la nostra casa di ambienti comodi, abitabili, fruibili, ben organizzati e naturalmente ricchi di stile. Ecco alcuni piccoli consigli  che faranno la differenza fra una casa qualunque e la vostra casa!!

Nell’appuntamento di giugno ho indicato alcuni trucchi per individuare lo stile di arredo più vicino alla propria personalità ma quello che non  ho detto, per non creare troppa confusione nella prima fase, è che ogni stile può essere ulteriormente personalizzato.

Nell’arredamento come nella moda il “mix” è un must per personalizzare uno stile. Quindi il mio suggerimento è OSATE pure e mescolate: il vintage con il contemporaneo, il pezzo low cost con quello di design d’autore, i motivi floreali con quelli geometrici, i materiali freddi con quelli caldi e naturali, i colori vivaci con quelli spenti e neutri, il maschile con il femminile. L’importante è non eccedere e mantenere armonia ed equilibrio per non rischiare di trasformare il mix in una caduta di gusto!!

vintage-e-contemporaneo simona elle

Per quanto riguarda il maschile ed il femminile, vi rimando a questo post che ho scritto qualche giorno fa  sul mio blog proprio per spiegare bene questo connubio, invece per quanto riguarda gli altri accostamenti, vi ricordo che il 50/50 è da evitare, ossia perché ci sia armonia deve esserci un elemento dominante ed una prevalenza visiva di uno stile, un materiale, un colore, sugli altri.

Circa il low cost invece, riuscire a scovare un oggetto come una lampada o altro, che costi meno di 20 euro da poter abbinare al tavolo  o alla poltrona di design è come riuscire a trovare una camicia H&M che si sposa alla perfezione con un tailleur Armani……………. la personalizzazione è assicurata e l’effetto finale sicuramente chic!!!!   Se dovete optare per il low cost anche per i mobili base come tavoli, divani ecc….., non dimenticate che le forme organiche sono da preferire perché meno banali di quelle semplici e lineari (ad esempio il tavolo quadrato), la forma infatti prevale sulla qualità.

Lampada-ikea simona elle

Lampada ikea abbinata a quadro d’autore

 

Spero che questi consigli vi aiutino a scoprie  la vostra HOME IDENTITY………… vi aspetto il prossimo mese.

Ospite di questo Lunedì in Salotto
★ GUEST WRITER  -  Simona Leoni
★ PROFESSIONE  -  Interior designer | Home shopper
★ AZIENDA  - Simona ELLE
★ CITTA’  -  Padenghe sul Garda
TAGS ★ interior design, vintage, contemporaneo

Credit immagini

Foto 1 vintage-contemporaneo lily.fi

Foto 2 Leoni simona pinterest.com

Foto copertina archivio il Salotto degli Eventi

3 thoughts on “CASA DEGLI SPOSI, come creare una HOME IDENTITY

  1. Credo che riuscire a mettere la propria personalità ed identità in una casa sia tra le cose più difficili… o forse sarebbe più giusto dire che è difficile farlo con stile!
    Ottime indicazioni, prima o poi spero di farcela anche io!

  2. Ciao Lallabel, verissimo! Ed è per questo motivo che mi sono appassionata ai preziosi consigli di Simona e le ho chiesto di collaborare con questi post… Mi fa molto piacere sapere che abbiamo scelto di intraprendere un valido percorso che piace ed è d’aiuto. Grazie!

  3. Ciao Lallabel, uh come hai ragione. Dare un’identità ad una casa è veramente un arduo compito, anche per noi addetti ai lavori. Diciamo che spesso l’identità si crea con il tempo; più abitiamo in un luogo più riusciamo a farlo nostro e quindi a trovare gli oggetti giusti per personalizzarlo. Io credo che tu ce la farai benissimo!! Ciao, grazie per essermi venuta a trovare anche qui, a presto Simona

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>